Indice articoli

 

Primo contatto

 

Diamo ora uno sguardo all'aspetto estetico del nostro Iomega StorCenter ix2.

Il prodotto è compatto e dall'aspetto massiccio; il peso, dato dai due hard disk già montati, è notevole e ci trasmette una sensazione di solidità.

Il colore scelto è il nero con inserti di grigio per quanto riguarda le scritte.

La parte frontale, completamente in plastica, presenta il logo dell'azienda e il nome del prodotto.

La parte laterale, lucida, presenta due icone a LED che segnalano l'attività degli hard disk e il funzionamento del prodotto.

 

07 ix2_front

 

 

Lo chassis, in metallo, è privo di particolarità e possiamo trovare, lateralmente, il marchio Iomega, inciso.

 

08 ix2_side

 

La parte posteriore è caratterizzata dalla ventola centrale atta ad espellere l'aria calda prodotta dai due drive installati, dal tasto di accensione e spegnimento del prodotto, da una porta USB 2.0, una porta LAN RJ-45, un tasto di reset, dal jack di alimentazione e dall'ormai immancabile kensington lock.

 

09 ix2_back

 

Per accedere agli hard disk e di conseguenza al vano hard disk è sufficiente far slittare la mascherina frontale verso l'alto.

Una volta effettuata questa manovra ci troveremo di fronte ad entrambi i drive installati, rimovibili semplicemente tirando la linguetta in plastica.

 

10 ix2_bay

 

Come citato all'inizio di questo articolo i due hard disk montati all'interno di questo sistema sono dei Seagate Barracuda 7200.14 da 1000GB (ST1000DM003).

 

11 ix2_barracuda

 

Rimuovendo entrambi i drive possiamo scorgere all'interno dello chassis la scheda madre, i connettori SATAII e la ventola.

 

12 ix2_inside

 

Un particolare che non possiamo notare dalle foto, ma che abbiamo riscontrato durante i test, è che il sistema operativo non è alloggiato in una memoria flash dedicata, ma è installato direttamente negli hard disk. Non è infatti prevista la sostituzione degli hard disk in bundle con modelli a piacimento: l’upgrade potrà essere effettuato soltanto dall’assistenza Iomega. Ciò giustifica probabilmente l’assenza di un sistema hot swap, tipico della maggior parte dei NAS. Una mancanza che farà arricciare il naso ai più smanettoni, ma che non disturberà probabilmente gli utenti meno esperti, che cercano un prodotto economico e semplice da usare.